UN VIAGGIO A BAGOLINO

Geometricamente un viaggio non è altro che lo spostamento da un punto A di partenza ad un punto B di arrivo. Nulla, insomma, di più insignificante e indifferente. Esattamente, come per noi scacchisti, è una mossa sulla scacchiera.

Gli scacchisti sanno, tuttavia, che spostare un pezzo non è soltanto un questione geometrica, fisica e scientifica. Si perderebbe, altrimenti, nel vagobondare tutto quel partire da un punto ed arrivare in un altro. La mossa è parlare, dire, comunicare, sottendere, imparare, comprendere, apprendere. Esattamente, come per i viaggiatori, un viaggio arricchisce lo spirito di chi si protende dalle proprie radici ad altri rami.

Chi sta fermo e non si discosta da se stesso, raramente acquisisce qualcosa d’altro a se stesso. Bastante al proprio spirito, infatti, rinuncia all’accrescimento di altre facoltà che si assopiscono nell’orgoglio delle proprie patrie origini.

Viaggio
Bagolino

Ho conosciuto mille e milioni di partite, ho fatto miliardi e centinaia di mosse: sono ancora curioso di scoprire tutte quelle che non ho fatto, che non ho conosciuto, quelle che mi hanno raccontato e non ho ancora visto.
Eravamo a Lodi, un giorno lontano di qualche e più anni addietro, il Candidato Maestro Fracesco Agnelli ritorna sul luogo del torneo, per quello eravamo arrivati fin là. Comincia, allora, approfittando del ritardo nell’inizio delle partite, a parlare della sua visita ad un luogo, chiudendo con: “Ma non si può arrivare fin qui e non andare a vedere”. Il motivo del viaggio, evidentemente, è solo il movente, la scoperta è sempre lo scopo.

Approfittate di un movente qualsiasi, allora, e viaggiate. Vogliamo, anzi, fornirvi un interessato movente e una nuova meta di ricerca.

Domenica 28 ottobre si giocherà la Seconda Tappa del Sesto Grand Prix Semilampo Bresciano.

BANDO II^ TAPPA VI GPB

ISCRIZIONI AL TORNEO

Viaggio
Bagolino

Ad ospitare i Circoli scacchistici bresciani sarà il Comune di Bagolino, ultimo paese a nord della Valle Sabbia. Il paese, a dispetto della sua posizione isolata, vanta una storia antichissima. La disposizione abitativa del paese, tipicamente medioevale, è caratterizzata da case di notevole altezza, addossate una all’altra con elementi architettonici e decorativi di non poca importanza: portici, sottopassaggi, piccole terrazze, ballatoi, inferriate in ferro battuto, affreschi murali. Numerose scalinate conducono alla parte alta del paese, sovrastato dalla monumentale parrocchiale di S. Giorgio (terza per grandezza nel territorio bresciano), scrigno di parecchie opere d’arte di insigni maestri: Tiziano, Tintoretto, Palma il Giovane, Torbido, Sandrini, Lucchese…

Tre miglia fuori paese”, come le nuove regole del codice napoleonico imponevano, si può vedere il Vecchio Cimitero con le cappelle rivolte sulla strada e, al suo interno, le semplici croci in ferro. Se è vero, come è vero, che la storia di un paese si legge sui muri delle case, una passeggiata nelle strette vie acciottolate  che percorrono il borgo può risultare piacevole e interessante.

Viaggio
Bagolino

L’Asd Scuola di Scacchi Torre&Cavallo da anni svolge corsi presso le Scuole e la Biblioteca che, per l’occasione, dalle 14:30 vi guiderà alla scoperta di questo paese montano. Grazie anche alla collaborazione con la Pro Loco, potrete usufruire di una convenzione Pasto presso alcuni ristoranti.

Primo, secondo con contorno, acqua e caffè  € 10


Trattoria Al tempo perduto Via S.Rocco  tel 0365.99145
Trattoria Cerreto da Davide           tel 0365.903227
Ristorante Piccolo Hotel -Cerreto         tel 0365.99208.
Opportuna la prenotazione

Il movente ora lo avete, non vi resta che viaggiare alla scoperta di meraviglie infinite e del nostro territorio e di voi stessi.