Crea sito

Jordan Peli: Giocando si impara e Attacando si vince!

Spesso nella nostra disciplina quando si parla di giovani lo si fa soprattutto per evidenziare un talento innato. Meno spesso, invece, si mette l’accento sul fatto che la nostra è una disciplina dove l’allenamento, lo studio e l’applicazione portano ad un miglioramento progressivo delle nostre capacità.

Nel panorama scacchistico bresciano il 2014 ha visto l’ascesa di un giovane sedicenne, non certo nuovo a chi frequenta il circuito (era arrivato primo nella propria categoria nel Campionato Provinciale Assoluto del 2013), ma di sicuro molto migliorato nel gioco espresso e capace di risultanti sorprendenti.

Parliamo di Jordan Peli, classe 1998, nato a Gardone Valtrompia ove tutt’ora risiede e iscritto al secondo anno presso l’Istituto Tecnico Agrario “G. Pastori” di Brescia, ragazzo estroverso fuori e dentro la scacchiera. Lo abbiamo incontrato durante il recente Campionato Provinciale Assoluto a Sarezzo e abbiamo scambiato due chiacchiere, per capire la sua passione per gli scacchi e le motivazioni della sua crescita.

Allora Jordan come hai conosciuto gli scacchi?

In terza elementare. Aristide è stato il mio maestro come del resto per tutti noi, Samuele, Daniele, Davide e Francesco.

Ha aiutato la tua passione per il gioco il fatto di essere un gruppo?

Certo. La competizione tra di noi è stato il primo stimolo per cercare di migliorarsi.

Quali altri stimoli ti hanno fatto migliorare tanto nel gioco?

Prima di tutto le lezioni di Aristide, poi le vittorie nei tornei, ma ciò che ha cambiato il mio gioco è stato quando ho cominciato a giocare nei tornei con gli adulti.

Che cos’è successo?

Ho cominciato ad analizzare le partite, ho capito l’importanza dei finali e mi sono messo a studiare leggendo dei libri.

Come definiresti il tuo stile?

All’attacco e sempre all’attacco. Mi piace aggredire subito il mio avversario anche a costo di qualche sacrificio.

Hai cominciato a sorprendere tutti con il quinto posto nella IV° e nella V° Tappa del Grand Prix. Quale pensi sia il tuo miglior risultato?

Sicuramente a Marcheno, essere arrivato Terzo per me è un grande successo (al momento della stesura di questa intervista Jordan ha ottenuto il 3° posto anche nel Torneo di Idro).

Pensi che gli scacchi faranno sempre parte della tua vita?

Lo spero. Già adesso aiuto Aristide nell’insegnamento ai più piccoli e mi piacerebbe diventare istruttore.

Noi glielo auguriamo. Per chiudere pubblichiamo una partita giocata al Campionato Provinciale Assoluto 2014 con i suoi commenti.